Muezzin Oman

Il canto del muezzin si trasforma in “concerto” .

Siamo a Khasab in Musandam (exclave omanita negli Emirati Arabi) e decidiamo di uscire dall’hotel verso le 19 per una passeggiata. È una sera di giugno, il sole sta tramontando. Camminiamo piano per non sfidare il caldo torrido. Siamo ai margini della cittadina, costeggiamo lo stretto di Hormuz, il mare è distante un centinaio di metri e la strada è deserta perché è periodo di Ramadan e tutti sono a pregare prima del pasto serale. Scorgiamo qua e là qualche ritardatario che corre verso la moschea, ma la forma di vita prevalente intorno a noi è quella ovina: capre dappertutto. Quando parte la voce dei muezzin da tutti i minareti della zona, ci troviamo al centro di un “concerto” che non si può raccontare. Per fortuna ci sono i video.

Tra il muezzin e le capre.

Se questo articolo ti è piaciuto, iscriviti al blog! Riceverai direttamente via mail i nuovi contenuti. Se stai leggendo da smartphone o iPad torna all’inizio della pagina e inserisci il tuo indirizzo email. Altrimenti vai qui alla tua sinistra.

Leggi anche: